a cura dello staff di Osteomagazine

Oltre ad essere una critica verso presunti collaboratori e non attestati colleghi, é proprio un’apertura mentale a tutti i nostri followers.

L’apertura mentale consiste nel NON FARSI FREGARE. Ma di cosa stiamo parlando? semplicemente dell’incapacità del cliente di riconoscere il vero trattamento scientifico con relativi test capacitivi del proprio status di salute.

COME DISTINGUERE IL VERO DAL FALSO

Mettiamo un esempio come paragone. Utilizziamo un test scientifico e lo confrontiamo con un macchinario innovativo che semplifica il test precedente.

Il macchinario innovativo darà dei risultati che mettono in risalto sicuramente qualcosa, “ti manca energia, sei stressata, hai mancanza di aria e il battito cardiaco accelerato”…. il test scientifico invece ti fornisce un dato certo, ovvero che se rifatto da uno specialista non é molto diverso da quello precedentemente fatto dal collega.

LA VERA DISTINZIONE STA NEL CONTENUTO !!!

Il contenuto significa tutto quello che esprime. L’esame del sangue per esempio dimostra, attraverso l’analisi delle componenti sanguigne, il tuo status fisico di quel momento. Un test kinesiologico (attenzione che ho scritto con la K) tenendo in mano un elemento tipo pietra, non ha valenza scientifica, perché lavora sulla percezione sensoriale e cerebrale del paziente. Se lo stesso test kinesiologico, eseguito dopo 3′, sullo stesso paziente, con la stessa pietra tenuta in mano desse il contrario … non immaginerei la faccia sbigottita e ridicola del fantomatico terapista.

Questo piccolo esempio in realtà mette in evidenza la ridicolaggine dei macchinari di ultima generazione che ti dicono lo status di benessere fisico.

SONO TUTTE BALLE !!! IL FISICO, NELLA SUA STRUTTURA, E’ UN ELEMENTO VIVO CHE SI MODIFICA E NON RIMANE MAI UGUALE.

In conclusione ci esponiamo in prima linea noi di Osteomagazine per COMBATTERE tutti coloro che propongono test fasulli facendo credere alla gente che il risultato positivo e il miglioramento é dietro l’angolo.

Categories:

No responses yet

    Lascia un commento

    Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *