a cura del dott. D’Oria Gabriele (osteopata, fisioterapista, massofisioterapista, chinesiologo, posturologo)

VZV (Varicella – Zoster – Virus) queste sono le patologie che più spesso si contrappongono nella pratica clinica.

Ma cosa sappiamo di queste patologie ? Scopriamolo assieme.

La famiglia degli herpes è molto vasta e comprende otto sottogruppi (vedi tabella):

HHV-1 e HHV-2 sono rispettivamente la forma erpetica labiale-facciale e genitale.
L’HHV-3 è il VZV (Varicella – Zoster – Virus).
HHV-4 è EBV (Epstein Barr Virus) che da origine alla mononucleosi.
HHV-5 è il HCMV (cytomegalovirus).
HHV-6 è associato alla roseola infantum (sesta malattia).
HHV-6 e HHV-7 (Human herpes simplex).
HHV-8 è il KSHV associato al sarcoma di kaposi soprattutto negli immunodepressi (HIV).

L’HHV-3 è il VZV (Varicella – Zoster – Virus).

Si tratta della riattivazione dello stesso virus che causa la varicella. L’ingresso è nell’apparato respiratorio, dopo 14 giorni di incubazione si presenta il rush vescicolare. L’affezione riguarda i dermatomeri cuteanei con la comparsa di vescicole e dolore (nevralgia erpetica).

I dermatomeri più colpiti sono l’intercostale ed il trigeminale. L’Acyclovir è la terapia elettiva, abbinata a FANS di supporto.
Nella foto la paziente presenta vescicole sulla zona glutea; inoltre si evidenzia una linfoadenopatia inguinale e riferisce una sensazione di bruciore a livello dermatomerico cutaneo delle vescicole.

Tags:

No responses yet

    Lascia un commento

    Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *