Prendo spunto dal fatto che stranamente sto scrivendo un articolo in ritardo.

Mi sono quindi domandato cosa avviene nei ritardatari seriali, ovvero coloro che prendono tutto con calma.

Ovviamente cercherò di essere molto succinto e di non prendermela con calma.

Essere un ritardatario seriale significa molte cose. Tra le più importanti posso citare :

  1. educazione infantile che si basava su comportamenti uguali a quelli genitoriali (ritardatario il genitore….il figlio uguale)
  2. problemi organizzativi a cui non si vuole trovare una soluzione
  3. mancanza di stima e rispetto delle altre persone
  4. distacco parziale o completo del soggetto dal proprio “nucleo” di persone conosciute.

Senza addentrarmi troppo nella psicologia del singolo individuo (e sottolineo che ne esistono tanti e di tante categorie), posso affermare che nel mio piccolo questo tipo di atteggiamento NON ESISTE.

Ovviamente mi rendo conto che tutte le cose dette precedentemente nella mia vita non sono mai state “create” nel corso degli anni….ma ugualmente non riesco a dare una corretta risposta a chi ci riesce con tanta facilità e costanza.

NON BISOGNO ESSERE DEI MAGHI MA….

se costantemente perdiamo il nesso logico del tempo e non riusciamo a essere ordinati e puntuali, consiglierei qualche soluzione rapida :

  1. l’agenda elettronica, consultabile da tutti gli smartphone, tablet, pc e ovunque sul pianeta, vi aiuta a gestire gli impegni e ad essere puntuali agli appuntamenti. La puntualità la potete programmare voi grazie agli avvisi anticipati, quindi non ci sono più scuse….agenda elettronica tutta la vita.
  2. memory non solo come gioco di carte : tutti cercano di ricordare le cose più importanti, ma se non alleniamo la mente a fare associazioni tra almeno 10 o 20 elementi, non impareremo mai nulla. Il gioco memory, semplice ed efficace allo stesso tempo, vi allena a ricordare. Il ricordo inoltre può essere ancora più utile se ad un semplice elemento (la lampadina sopra il comodino) ci mettete un post-it con scritto “bolletta della luce a fine mese”.
  3. osservate senza parlare ; é una tecnica molto interessante da utilizzare quando dovete riprendere un viaggio dopo tanto tempo in un luogo poco frequentato o solo occasionalmente visto. Il silenzio mentre si osserva una mappa o un luogo fisico fa molto bene al cervello che aiuta a stampare l’immagine di quel documento o luogo.

Non mi resta che augurarvi di sperimentare questi consigli e provare a migliorare il vostro ritardo seriale.

Potrebbe comunque interessarti anche il seguente articolo :

https://www.osteomagazine.it/2018/09/07/411/

https://www.osteomagazine.it/2019/01/21/lo-schema-che-cambia-la-risposta/

Tags:

No responses yet

    Lascia un commento

    Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *