Ormai il nostro sistema digerente é, dopo i 30 anni, una giungla che cambia in continuazione.

Nessuno ci capisce al 100%, e se inizi a regolarti un piccolo tratto costituente, alla fine metti in disfunzione un’altra parte.

Vorrei capire assieme a te cosa avviene con il malassorbimento intestinale. Seguimi.

La figura che ti ho messo qui esemplifica quello che avviene a livello del duodeno, quindi ancora prima di entrare nel settore intestinale puro. L’angolo duodenale (tratto che si forma tra il 1° e il 2° settore duodenale) é un “incrocio” molto pericoloso ove sfociano i tubi derivati dal fegato/colecisti e dal pancreas.

Sperando che ovviamente non esistano calcoli o ostruzioni di forma varia nei dotti, si può affermare che la stessa curva duodenale é UNA PORZIONE IN RESTRIZIONE DI MOBILITA’.

Un bravo terapista sa bene che il malassorbimento parte da questa zona, e continua a prodigare lo stimolo infiammatorio ai tratti inferiori successivi.

Nello schema qui esposto esiste inoltre una spiegazione semplice del coinvolgimento degli organi nell’assorbimento delle singole sostanze suddivise in macro categorie, ovvero proteine, zuccheri e grassi. Ma allora….perché assorbiamo male e non riusciamo a digerire?

CAUSE E TEORIE

Perdere il controllo della digestione, mi dispiace dirlo, ma é un problema nostro, e la causa é la nostra incuria corporea.

Tra le diverse teorie o fatti oggettivi che concorrono al malassorbimento ci sono :

  • stress emotivo
  • cibi ingeriti troppo elaborati
  • cambi repentini di temperatura esterna
  • prolungamento dei tempi in posizioni di stretching forzato negative per l’intestino
  • poca mobilità e motilità intestinale
  • formazione di infiammazione e funghi sulle pareti intestinali.

SEGNI CLINICI DI MALASSORBIMENTO

Tutti possiamo capire quali sono i segni clinici di malassorbimento; ve li elenco :

  • osteoporosi e osteomalacia –> tendenza alle fratture e alla debolezza ossea
  • dimagrimento settoriale –> in alcuni punti il corpo dimagrisce a differenza di altri punti
  • tetania –> rigidità dei muscoli e delle articolazioni
  • pigmentazione della cute –> la pelle presenta macchie che vanno dal giallo al marrone
  • distensione addominale –> si forma un volume maggiore addominale pieno di gas e feci
  • disidratazione –> specialmente le gambe presentano pelle secca e disidratata
  • ecchimosi –> sulla cute di cosce e gambe sicuramente si formano micro ematomi
  • diarrea e steatorrea –> le feci sono liquide o molto rallentate nel loro transito
  • edema –> specialmente in periferia il sangue fatica a muoversi e forma edemi
  • glossite e stomatite aftosa –> le afte sono la rappresentazione di piccoli focolai infiammatori dell’intestino, per causa o effetto delle mucose dell’intero sistema digerente.

Spero di averti incuriosito con questo articolo; se invece la tua voglia va oltre ti propongo anche quest’altro articolo

https://www.osteomagazine.it/2019/08/14/ti-dico-come-regolare-il-tuo-metabolismo/

https://www.osteomagazine.it/2018/07/11/sindrome-intestino-irritabile-ibs/

https://www.osteomagazine.it/2019/04/02/caos-a-livello-addominale/

 

 

 

Tags:

No responses yet

    Lascia un commento

    Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *