a cura del dott. D’Oria Gabriele avatar dott. D'Oria Gabriele osteomagazine 2020 (osteopata, fisioterapista, chinesiologo, massofisioterapista, posturologo)

Articolo inserito nella pagina blog 2020.

Il piede è una struttura in cui sono presenti 26 ossa, 33 articolazioni e più di un centinaio di muscoli, tendini e legamenti.
L’astragalo, o talo, è una delle sette ossa che costituiscono il tarso del piede.
Il talo è formato da tre porzioni: la testa (in posizione distale), il collo (in posizione intermedia) e il corpo (in posizione prossimale).
A livello della superficie articolare calcaneare posteriore può evidenziarsi l’os trigonum (visibile nelle Rx o RMN).

rmn osso trigorum osteomagazine 2020  rx osso trigorum osteomagazine 2020

COME SI FORMA QUESTO OSSO ACCESSORIO?

Embriologicamente il corpo dell’astragalo e il suo processo posteriore sono centri di ossificazione differenti.
Tra il settimo e il tredicesimo anno di vita è visibile un nucleo di accrescimento osseo (l’os trigonum), che normalmente si fonde con il processo posteriore dell’astragalo entro un anno dalla sua comparsa radiografica. Se questo processo di maturazione fisiologico non avviene regolarmente il corpo dell’astragalo rimarrà separato dall’os trigonum anche in età adulta e può essere mono o bilaterale a livello podalico.

anatomia caviglia osteomagazine 2020
Il muscolo flessore lungo dell’alluce è situato appena medialmente all’os trigonum; questo rapporto anatomico è fondamentale per capire come si possa arrivare alla sindrome dell’impingement posteriore di caviglia (PAI).
La PAI è una tipica patologia dei ballerini che plantarflettono la caviglia creando infiammazione cronica ed impotenza funzionale. Il circolo diventa vizioso con iperproduzione di liquido posteriormente, attrito nello scorrimento tendineo e sofferenza nei movimenti.

osso trigorum osteomagazine 2020
Nei pazienti, è opportuno comprendere quali condizioni siano responsabili di un impigment posteriore di caviglia ed il loro aggravamento. È opportuno consigliare al paziente l’utilizzo di calzature idonee, una diminuzione del carico ponderale che grava sull’assetto podalico, esercizi di allungamento fasciale, di equilibrio e propriocezione per migliorare la stabilità articolare e l’elasticità tissutale.

piede danza osteomagazine 2020
La terapia conservativa coadiuvata da quella farmacologia medica (nei casi più gravi), appare indicata.
Al trattamento farmacologico si abbina un approccio osteopatico globale per ricercare le cause o le concause che aggravano lo stato algico.

Inoltre sono indicate terapie antalgiche di fisioterapia strumentale volte a diminuire l’edema tissutale e l’infiammazione tendinea in situ.
In caso di insuccesso si intraprende la via chirurgica artoscopica dopo aver effettuato esami diagnostici approfonditi e valutazione ortopedica.

Categories:

Tags:

No responses yet

    Lascia un commento

    Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *