Ebbene sì, ci sono moltissimi segni che fanno presumere uno squilibrio relativo al diabete.

Molto spesso non ne sappiamo nulla, eppure gli occhi non mentono.

Le iridi dicono solo la verità….scopriteli assieme a me.

Uno dei punti di partenza della valutazione é la siepe, ovvero quel rilievo molto simpatico che divide la “vita” interna del nostro corpo con l’ambiente esterno. Proprio in prossimità di essere bisogna controllare la presenza o meno di macchioline scure addensate. (vedi foto superiore)

Ulteriore controprova dell’alterazione in ipoglicemia o iperglicemia esistono anche delle macchioline marroni negli anelli più esterni. Le macchioline hanno una struttura tramata come una retina ad alta densità, e i limiti sono definiti. Spesso si trovano nei quadranti 4 e 8, corrispondenti con la proiezione del pancreas nei due occhi.

Spesso nella costituzione di fondo delle iridi facendo una valutazione “profonda” si possono osservare nel paziente diabetico anche dei punti chiamati POLVERE DI TABACCO. Questi punti di colore marrone sono ugualmente esempi di ipoglicemia, o comunque una variazione dello zucchero nel sangue.

Solitamente un iride con valori sballati di glicemia presenta un colorito chiaro, e una trama tipo sabbia secca quasi granitica. In tale situazione la siepe presenta addensamenti di colore opposto (accumuli per iperglicemia) di colore marrone chiaro. Ricordiamoci che in tale situazione la siepe rappresenta i valori del singolo organo verso il mondo esterno.

Sempre per rimanere in tema di siepe, si possono riscontrare alcune insenature “curve” della siepe stessa. Queste situazioni non dicono che il paziente sia per forza diabetico, ma “narrano” di una ereditarietà genetica di almeno un antenato con problemi diabetici.

Nelle forme patologiche la presenza di un glaucoma é sicuramente un segno particolare di alterazione degli zuccheri nel sangue. Il glaucoma praticamente é un aumento della pressione sul nervo ottico, con diminuzione della vista e allargamento esagerato della pupilla.

Tags:

No responses yet

    Lascia un commento

    Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *