NON ALLENARSI COL COVID PT.2

salute-bambini-fitness-960x480-2021

a cura del dott. D’Oria Gabriele

avatar gabriele 2021

Approfondiamo l’argomento trattato nella parte precedente analizzando i seguenti aspetti :

– Aspetti ossei: l’allenamento in palestra aumenta la mineralizzazione ossea, riducendo la perdita di calcio. Allenarsi diminuisce l’osteopenia/osteoporosi e previene le fratture dettate da demineralizzazione ossea.

– Aspetti metabolici: tramite la stimolazione del metabolismo basale l’allenamento può indurre adattamenti enzimatici-glicolitici che aumentano la resistenza muscolare. Inoltre l’allenamento induce l’innalzamento del metabolismo ben oltre il tempo di lavoro.

– Composizione corporea: attraverso il lavoro in palestra si ha la riduzione del grasso di deposito. L’attività aerobica, si traduce con l’opportunità di un minor deposito di grassi attraverso la mobilizzazione dei lipidi, contribuendo alla riduzione dell’obesità e del colesterolo (fattori di rischio per incidenti cardio-vascolari).

– Aspetti ormonali: attraverso l’aumento della produzione di testosterone endogeno, gli ormoni anabolici (testosterone, Gh, insulina) tendono a stimolare i processi di crescita nei tessuti grazie all’allenamento. E’ possibile abbassare le dosi di insulina nei diabetici che si applicano costantemente all’attività motoria in palestra.

-Aspetti psicologici: l’attività motoria riduce tensioni e stress; una sorta di antidoto naturale per il mantenimento della salute psico-fisica.

 110 total views,  1 views today