a cura del dott. Toselli David nuovo avatar erdoctor Toselli David (osteopata, chinesiologo, iridologo, fisioterapista, terapista diastasi addominale)

Avete presente tutti i segreti che il corpo umano può celare dietro ad un organo o ad un sistema? Oggi vi parlo della milza, formidabile arma segreta del corpo.

milza vista scheletro osteomagazine 2020

La milza é quell’organo che a volte non sai nemmeno di avere, mite, silenzioso, fermo nella sua posizione, con funzioni che a volte vengono attivate mentre per il resto della nostra esistenza neanche non si fa vivo.

La milza, il MALT (tessuto linfonodale associato alle mucose) e i restanti filamenti linfonodali, sono strutture secondarie di natura linfoide.

Diversi studi la considerano posizionata tra la sesta e la nona costa a sinistra della cassa toracica, e aderente alla stessa come volume. Per essere un organo linfoide si ricorda che NON PRODUCE LINFOCITI, infatti li conserva per casi particolari e fornisce altre azioni più “nobili”.

arteria lienale osteomagazine 2020

Il bello della milza é che non é fornita di sistema nervoso di controllo, e quindi la sua azione é direttamente legata all’apporto di sangue; tale coniugazione avviene attraverso l’arteria e la vena lienale che origina dal tronco addominale aortico e dalla vena porta.

DICIAMO LA VERITA’ SULLA MILZA….

In effetti le vere funzioni della milza sono :

  • emopoietica, ovvero nella fase di sviluppo crea una basilare fabbrica dei globuli rossi
  • emocateretica, ovvero nell’adulto può aiutare fegato e reni nello smaltimento dei globuli rossi ormai in eccesso.
  • ormonale, infatti nell’adulto si concentra l’ormone P nella milza, che a sua volta scatena la sensazione del dolore in caso di trauma.

IN ULTIMA BATTUTA SI DICE….

obliquo esterno splenico osteomagazine 2020

In ultima battuta possiamo affermare che esiste anche una relazione muscolo/viscerale della milza; infatti a circondare tutta la zona di eminenza della milza troviamo il muscolo obliquo esterno.

Tale muscolo, facente parte dei muscoli addominali, é assoggettato dalla funzione respiratoria e dal contenimento viscerale addominale. Immaginate quindi di andare a correre dopo un pò di tempo che non lo fate, e sentite un grosso affaticamento della zona splenica (quella della milza). Tutto il caos che si é formato non é per colpa della milza che si é ingrossata e quindi spinge sul lobo polmonare inferiore o sulle coste, ma é il muscolo obliquo esterno che, funzionando come accessorio respiratorio, stringe la parete intercostale e la parete addominale laterale, costringendo il corpo ad essere maggiormente teso e stressato.

 

Categories:

No responses yet

    Lascia un commento

    Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *