La pigrizia é proprio una patologia, e si manifesta specialmente al mattino quando proprio non vogliamo alzarci anche se la sveglia ormai si é surriscaldata. Si chiama CLINOMANIA ed é una nuova scoperta…vediamola assieme.

Una patologica conosciuta anche con il nome di DISANIA, che spinge le persone a restare a letto tutto il giorno. Ovviamente non parliamo della normale esitazione mattutina ad alzarsi, si tratta infatti di un disturbo del sonno ma non solo. Per chi soffre di clinomania, infatti, le coperte diventano un vero e proprio rifugio dalla realtà, un modo per sfuggire alle responsabilità, tenendosi al riparo dal mondo esterno. La clinomania, quindi, che non è riconosciuta a livello medico (da fonti europee), può essere definita come un’incapacità cronica a lasciare il letto.

SOFFRO DI CLINOMANIA ? COME FACCIO A CAPIRLO ?

La clinomania ci costringe a restare a letto non per il bisogno di dormire di più, ma perché le coperte diventano come una sorta di grembo materno, nel quale sentirsi sicuri e protetti. Una forma patologica non patologica che si manifesta addirittura nel 70% delle persone che, nell’arco della propria vita ne hanno sofferto in seguito a situazioni di stress, senza che diventasse cronica. Se però il desiderio di non alzarsi dal letto è così forte da impedire il normale svolgimento della vita quotidiana, allora bisogna prendere atto che si tratta di un problema da affrontare.

La clinomania può nascere da uno stato di forte ansia e le cause possono essere diverse: può comparire se si soffre di depressione post partum, condizione che rigurda spesso le neo mamme e che necessita di essere seguita da uno specialista. Altre cause sono di origine psicologica: bassa autostima, paura delle relazioni sociali, paura di fallire. Spesso, poi, la clinomania, può essere un sintomo della depressione, associata a fobie e ipocondria. Le persone più esposte alla clinomania, quindi, sono quelle che soffrono di depressione e quelle tendenzialmente ansiose.

Tags:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *