a cura del dott. D’Oria Gabriele avatar dott. D'Oria Gabriele osteomagazine 2020 (posturologo, osteopata, fisioterapista, chinesiologo, massofisioterapista)

Dal corretto allineamento in lordosi cervicale, si procede alla rettilizzazione del tratto ed alla inversione con cronicizzazione del processo patologico a livello delle faccette articolari e dei corpi vertebrali.


La perdita della lordosi e l’inversione della curva, aumentano la frattura istmica (lisi), lo scivolamento vertebrale (listesi) e un processo degenerativo interdiscale con una possibile progressione protrusiva-erniaria.

La resistenza (R) della colonna si riduce in base alla regola: R=N2+1, dove N2 sono il numero di curve al quadrato più 1.

La perdita di una curva fisiologica diminuisce la resistenza della colonna.

Questo aumenta la degenerazione dovuta alla minor capacità di dissipare i carichi assiali gravitazionali.

Inoltre, lo schema di chiusura anteriore in rotazione interna delle spalle, di flessione del rachide cervicale e dorsale, ha una valenza psicologica essendo il corpo uno specchio della mente.

Come molte patologie si entra in un circuito in cui una parte alimenta l’altra in un loop continuo di cui il paziente non ha consapevolezza.

evoluzione patologica colonna vertebrale osteomagazine 2020

COME AFFRONTARE LA PATOLOGIA?

La patologia può essere affrontata sotto diversi aspetti:
– valutazione posturale per evidenziare i recettori che portano squilibrio al corpo ed enfatizzano la debolezza osteomiofasciale,
– valutazione osteopatica per identificare la causa o le cause che velocizzano il processo degenerativo,
– fisioterapia manuale per detendere e mobilizzare i tessuti, fisioterapia strumentale di supporto nei casi più algici,
– esercizi di stretching e di rinforzo della muscolatura deficitaria,
– riprogrammazione alimentare per migliorare i disturbi ormonali-metabolici che contribuiscono ad alterare la colonna cervicale,
– psicoterapia di supporto, volta ad un esame dell’aspetto emozionale. Infatti la patologia può essere alimentata da difficoltà emozionali-relazionali.

No responses yet

    Lascia un commento

    Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *