GLICEMIA : IL CARBURANTE RISCHIOSO DA MANEGGIARE

La glicemia è la concentrazione di zucchero (glucosio) presente nel sangue….ma sappiamo quanto zucchero dobbiamo avere nel nostro corpo? scopriamolo assieme.

Nelle persone non diabetiche la glicemia a digiuno è in genere tra i 60 e i 99 mg/dl.
Dopo i pasti tale intervallo può arrivare fino a 130-159 mg/dl (< 160 mg/dl), a seconda della quantità di carboidrati (zuccheri) assunta con la dieta. In condizioni di digiuno, indipendentemente dalla durata del digiuno stesso, la glicemia di una persona non diabetica non scende mai al di sotto dei 55-60 mg/dl così come, per quanto abbondanti siano i pasti, la glicemia non arriva mai a superare i 140 mg/dl. In genere si ha un valore medio di riferimento di 90 mg/100 ml (5mM).

In una persona a rischio (familiarità, età > 50 anni, obesità, ipertrigliceridemia e/o ipercolesterolemia, ridotta tolleranza a glucosio, etc) è utile eseguire un test da carico di glucosio che è un valido strumento per una diagnosi precoce di diabete; in caso prediabete (alterata glicemia a digiuno e/o ridotta tolleranza al glucosio), il medico richiederà un controllo periodico della glicemia, perché esiste un rischio di sviluppo futuro di diabete.

L’alterata glicemia a digiuno (IFG dall’acronimo Impaired Fasting Glycaemia) non va confusa con l’alterata tolleranza al glucosio (IGT), anche se le due condizioni possono essere associate.
L’alterata glicemia a digiuno si accompagna a insulino-resistenza e a un aumento del rischio cardiovascolare; può evolvere in diabete di tipo 2 conclamato, con un rischio del 50% che tale progressione si manifesti nei 10 anni successivi alla diagnosi.
Se la glicemia è indicativa di diabete conclamato, il medico stabilirà insieme un piano d’intervento personalizzato che comprenda una modificazione della dieta, l’inserimento di una regolare attività fisica e un’eventuale terapia con farmaci, sulla base del tipo di diabete.
Per un diabetico, uno degli obiettivi più importanti è mantenere la glicemia il più possibile all’interno dell’intervallo di normalità durante l’intera giornata. Mantenere quanto più costante possibile la glicemia è importante per assicurare il normale apporto energetico al cervello che – a differenza degli altri organi e dei muscoli – non è capace di immagazzinare riserve di glucosio. Il glucosio presente nel sangue rappresenta quindi l’unica fonte utilizzabile che deve sempre essere disponibile.

CONSIGLI UTILI PER ANDARE MEGLIO COL GLUCOSIO

Provate per una settimana a fare queste 7 cose :

  1. non aggiungere zucchero alla vostra colazione
  2. abbinate al vostro pasto una certa quantità di sale con quella che pensate di aver ingerito di zucchero
  3. appena finito di mangiare cominciate a leggere almeno 3-4 pagine di un libro (attivazione forzata del cervello)
  4. alla sera immergetevi in due bacinelle di acqua calda e fredda coi piedi, vi sentirete meglio a livello vascolare
  5. se vi sentite bene a livello vascolare troverete giovamento anche nel sonno….quindi buona dormita
  6. aumentate le attività contemporanee da eseguire…si consuma di più il glucosio
  7. acqua, acqua e acqua. Lo zucchero é veloce da bruciare ma anche rilascia residui tossiemici specialmente nel sangue che ristagnano. L’acqua a differenza degli integratori energetici e del caffè li espelle velocemente tra fegato e reni.

 217 total views,  3 views today

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *