Dattilite…un problema ricorrente per chi usa tanto i piedi e le mani.

Con il termine dattilite si intende una forma infiammatoria dell’articolazione distale del piede lungo l’asse delle dita. Nota anche come “dito a salsicciotto”, è caratterizzata da una estesa tumefazione di una o più dita, di mani e/o piedi. Tale manifestazione è dovuta alla infiammazione dei tendini flessori del dito interessato. La manifestazione è molto dolorosa e recede con terapia anti-infiammatoria per via sistemica e infiltrazioni locali di cortisonici. 

Nella maggior parte dei casi tale situazione é associata ad una forma psoriasica, e la cura farmacologica sembra essere la più azzeccata. Ma esiste anche una grandissima percentuale di incidenza dovuta al sovrautilizzo delle articolazioni delle dita. Infatti in sport come danza, pattinaggio, arrampicata e nuoto pinnato dove i piedi vengono sollecitati costantemente per molte ore alla settimana, la dattilite é e rimane un problema ricorrente. 

COME RISOLVERE O AIUTARE IL PIEDE – MANO ?

Come solito dipende tutto dalla forma sviluppata e relativo dito coinvolto in questa patologia. Solitamente si dovrebbe far riferimento alla pratica manuale di un operatore olistico che, con pazienza e mestiere, ci può aiutare ad allentare i sintomi. Ma osservando la patologia sotto un profilo puramente anatomico si possono mettere in evidenza alcuni particolari;

  • i rami vascolari sono convogliati tutti in un’unica arteria chiamata tibiale posteriore
  • le zone della volta plantare fanno parte di una mappatura della riflessologia agli organi correlati
  • i vari strati sono sovrapposti in spazi ridotti e contigui, in modo tale da non aver grosse mobilità
  • le ossa e le articolazioni impediscono ai liquidi di circolare liberamente se trovano posizioni errate dovute da vizi postulari o atteggiamenti sbagliati
  • i piedi e le mani sono mezzi potenti per compiere tutte le attività quotidiane, ma non ci fermiamo mai a distendere o rilassare tali parti anatomiche.

CONSIGLI PRATICI

  1. Evitate l’esposizione della zona coinvolta dalla dattilite a temperature troppo estreme (troppo calde o troppo fredde), ma alternarle per 10′ con fasi ogni 1′ tra caldo e freddo, per aumentare il potere di dilatazione/costrizione tessutale.
  2. Periodicamente, se certi che la vostra attività vi crea questi problemi, farsi “curare” da uno specialista
  3. Diminuire progressivamente con i farmaci antinfiammatori e sostituirli con cure più naturali.
  4. Invertire le posizioni quotidiane che fanno soffrire quel dito, quindi se rimanete tanto sulle punte dei piedi provate a rimanere con le gambe sospese e le volte plantari iperestese.

 

Categories:

No responses yet

    Lascia un commento

    Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *