a cura di Marco Grillenzoni marco grillenzoni avatar  (oggi solo chinesiologo)

La rana è una nuotata più lenta, ma non la meno faticosa.

Si identifica come l’evoluzione tecnica di un primissimo galleggiamento: in alcuni paesi dell’est viene ancora insegnata come primo stile, proprio perché il capo sale e scende frontalmente, come per voler vedere la direzione da percorrere.

Nella realtà, la tecnica è molto complessa, ma per alcuni soggetti risulta quasi “naturale”.

Alcuni bimbi, infatti, in acqua propongo a priori i piedi “a martello” e la tipica gambata simmetrica.

stile rana osteomagazine 2020

OSSERVIAMO LA TECNICA

Per svolgere al meglio la tecnica, serve una buona articolarità di caviglie, anche e ginocchia, e un tono adeguato di tutti muscoli degli arti inferiori.

Superiormente sono interessati maggiormente i pettorali e il dorsale.

Può essere uno stile di recupero per i nuotatori amatoriali, per i professionisti risulta una nuotata molto specifica e specialistica.

Il ranista, infatti, è spesso poco predisposto verso gli altri stili.

Sconsigliata a chi ha problemi di schiena, in quanto è richiesto una buona mobilità del rachide inferiore.

sincronismo nuotata rana osteomagazine 2020

PERCHE’ LA DEFINIAMO NOI OCCIDENTALI COME NUOTATA OSTACOLANTE

Il concetto del sincronismo di spinta tra braccia e gambe prevede il rafforzamento di molteplici schemi motori di base.

Se da un lato la nuotata a rana ci aiuta ad avanzare avendo la visione frontale, dall’altra il sincronismo ci limita nell’apprendimento.

Il problema sussiste nella sequenza; a volte si vedono persone alle prime armi che non riescono a ottenere uno stesso movimento di gambe, altre invece “spingono a vuoto l’acqua”.

Il metodo migliore per imparare la nuotata e superare questo problema sta nell’esercitarsi a “secco”, su una panca per addominali o su un semplice tappeto da ginnastica.

Vi aggiungo un piccolo particolare se un giorno porterete vostro figlio/a a scuola nuoto; osservate gli istruttori o allenatori se fanno fare ginnastica adeguata alla tecnica a rana….quello dimostrerà  professionalità e la via migliore all’apprendimento dello stile della rana.

gara rana osteomagazine 2020

Categories:

No responses yet

    Lascia un commento

    Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *