L’ansia ci accomuna come l’aria che respiriamo.

Tutti prima o poi abbiamo avuto momenti pieni di ansia, e fa male a tutto il corpo e alla mente.

Vorrei concedere qualche delucidazione in merito. Seguimi.

L’ ansia provoca un’ampia gamma di sofferenza da lieve, a moderata, a grave e da occasionale a frequente, fino a quasi costante.

L’ angoscia provocata dall’ansia può assumere varie forme :

  1. sensazioni fisiche : battito cardiaco accelerato, respiro affannoso, muscoli tesi, crampi allo stomaco per l’agitazione, tremori e sudorazione, pelle fredda o calda.
  2. Minzione frequente, disturbi gastrointestinali o incontinenza
  3. Pensieri ansiosi, credenze pessimistiche e preoccupazioni.
  4. Ruminazione mentale, ovvero pensieri e immagini tornano insistentemente
  5. Rigidità cognitiva, ovvero paura di tutto quello che diventa una novità. Difficilmente esce dalla routine.

COME LIBERARSI DI QUESTO PESO ? CONSIGLI UTILI.

L’ansia é una brutta bestia, si rischia facilmente di ammalare il corpo e di faticare nel recupero. Eppure esistono dei lavori facili o complessi che vi vorrei proporre (fatevi seguire da un esperto, mi raccomando) :

  • mindfulness –> tecnica di meditazione che, attraverso la rappresentazione dell’evento futuro e la non considerazione del momento presente.

  • uscire dagli schemi –> se tutti sono ansiosi perché devi esserlo pure tu? vai avanti con la tua idea, fai del tuo meglio per ricercare una via parallela a quella che tutti stanno percorrendo
  • usa le scimmiette –> delegare i lavori che ti opprimono o che a malavoglia ti interessano é la soluzione migliore per accrescere l’ansia ai tuoi collaboratori, diminuendo di conseguenza la tua
  • apnea –> il trattenere il respiro crea delle contrazioni al diaframma che lo liberano delle tensioni negative che ti bloccano; ovviamente fai un pò di apnea, qualche esercizio di respirazione forzata e vedrai che starai meglio.

Voglio consigliarti la lettura anche di questo articolo :

https://www.osteomagazine.it/2019/07/26/rabbia-condizionante/

No responses yet

    Lascia un commento

    Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *