Uno screening visivo pediatrico accurato potrebbe aiutare molti bimbi a scoprire un problema che si nasconde all’attenzione di tutti, la ambliopia. 

Questa patologia riduce la visione dell’occhio o di entrambi a causa di uno sviluppo anomalo nervoso tra cervello e occhio nell’esser stimolato quest’ultimo adeguatamente. L’occhio in poche parole, se pur apparentemente normale, non viene utilizzato e viene reso debole rispetto al contro laterale. 

Il bimbo o il bambino presenterà quindi delle difficoltà a vedere alla lavagna, a fare i compiti o a indicare con precisione un oggetto. L’ambliopia é in effetti una condizione insidiosa, non facile da scoprire e particolarmente diffusa; la media é di 1 su 30.

NON DISPERATE…SI RISOLVE!

Nella maggior parte dei casi la patologia é risolvibile, ma a due condizioni : una diagnosi precoce e un trattamento continuativo fino a 10-12 anni, periodo appunto dove il sistema visivo si stabilizza. A tutti i genitori che osservano queste piccole incongruenze si richiede di controllare periodicamente presso i centri oftalmici pediatrici la vista del proprio figlio.

Le ultime strumentazioni, ovvero il rifrattometro elettronico Ta2, riesce a dare risposte certe sul grado patologico dell’infante. Inoltre, alcuni centri specializzati, propongono visite a tappeto nelle scuole dell’infanzia del territorio nazionale, per precocizzare l’eventuale patologia. 

No responses yet

    Lascia un commento

    Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *