Il cranio umano e il trattamento osteopatico

La struttura più nobile del nostro corpo, oltre al cuore e al cervello, é il complesso delle ossa che costituiscono il cranio. Le ossa craniche hanno due motori del movimento infinitesimale e quasi di tipo “respiratorio” che sono sfenoide e occipite, i quali lavorano tra di loro per sollecitare le altre ossa a muoversi e sincronizzarsi tra di loro. Ad esso si associa anche l’osso sacro, tanto importante da rendere la leva lunga e la distribuzione delle forze cinetiche lungo tutta la colonna. Il movimento cranico é poi associato alla trasmissione del liquido cefalorachidiano, e alla sua distribuzione ormonale in tutto il corpo.

Leggi tutto

Liquido cefalorachidiano

È prodotto a livello dei plessi corioidei (nei ventricoli cerebrali) e si porta nello spazio subaracnoideo attraverso due fori detti del Luschka e del Magendie.  È prodotto per dialisi del plasma effettuato da cellule ependimali. La produzione è di tipo attivo (non dipende da pressione arteriosa) e di circa 500 mL al giorno con un ricambio di tre volte giornaliere. È presente in quantità che variano da 60 a 200 mL. I valori normali del peso specifico del liquido sono compresi tra 1001 e 1010, quelli pressori corrispondono a 16-20 cmH2O (nel neonato i valori sono più bassi), mentre il pH è lievemente più acido di quello del plasma, tra 7,28 e 7,32. Il liquor normale contiene piccolissime quantità di proteine (10-20 mg/dL) con prevalenza di albumina, e una quota di glucosio di norma inferiore del 10-20% a quella plasmatica. Anche quando lasciato riposare in provetta, il liquor normale non mostra la presenza di alcun sedimento; contiene 0-8 elementi cellulari/mm³, rappresentati da leucociti. Leggi tutto