AURICOLARI PER NON PRENDERE TUMORI

AURICOLARI PER NON PRENDERE TUMORI

Il teampo di lettura: 124 secondi

Si sà benissimo che il cellulare é sempre stato una tentazione enorme per l’uomo.

Eppure, con l’avvento delle tecnologie odierne, il problema delle radiazioni al cervello non é diminuito.

Ma perché si consiglia di usare gli auricolari? Scopritelo assieme a me.

Il cellulare utilizzato spesso e/o per tempi prolungati fa in modo che le onde sonore trasformino il sistema acustico in una lente d’ingrandimento per le onde elettromagnetiche.

Studi su studi affermano che al giorno d’oggi la possibilità di ascoltare musica o fare una chiamata in modo continuativo arriva sulle 2 ore e 20 minuti. Perché non si può superare questo limite?! Perché diventa dannoso per la salute?Quale accorgimento bisogna applicare?

UNA RISPOSTA PER TUTTO…

Il limite di vibrazioni che la membrana timpanica può assorbire senza corrodersi é attorno alle 10000 all’ora, che in realtà sono tantissime parole, ma alla fine si riducono in una lunga conservazione.

Quando l’orecchio assorbe più del dovuto richiama sangue, infatti avrete notato che l’orecchio diventa rosso e caldo e vi da fastidio tenere a contatto il cellulare ancora per un pò di tempo.

Il fatto che il sangue arrivi maggiormente all’orecchio é “dannoso”, in quanto le cellule hanno una carica elettrica che facilmente si può regolare con calamite o emettitori di onde. Pensate a tante paperelle gialle galleggianti che vengono spiaggiate dal flusso delle onde marine.

Quando abbiamo superato quel limite di 140′ di conversazione (voglio vedere chi riesce a superare tale limite senza subire nessun effetto), la nostra “spiaggia” é ricoperta da paperelle galleggianti, e ci vuole un sacco di tempo in completo silenzio per poterla ripristinare.

Purtroppo che si parli di onde elettromagnetiche o di paperelle, il discorso non cambia. Non cambia perché a rimettercene é il nostro sistema neurologico cerebrale. Come disse il detto “TUTTO TORNA”.

LA SOLUZIONE PIU’ SEMPLICE MA POCO VOLUTA

Sta nel palmo delle nostre mani, e si chiama auricolare. Di piccole dimensioni e maneggevole l’auricolare (o uno o due a seconda delle scelte personali) diventa INDISPENSABILE per allontanare dal tessuto cerebrale il nostro amico cellulare.

E tale accorgimento non é che vi annulla le vostre conversazioni. Attualmente la batteria arriva circa a 9 ore, quindi siete sicuri.

Prima di comprarvi il cellulare fate due considerazioni : la prima che valete molto di più voi che il vostro cellulare, la seconda che a volte i modelli più potenti non danno solo benefici, ma attivano delle onde elettromagnetiche sonore più debilitanti.

Parlando ulteriormente di orecchio ti consiglio questo articolo :

http://www.osteomagazine.it/2019/03/09/pro-e-contro-del-cerume/

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

In questo sito web usiamo strumenti nostri e di terze parti che memorizzano piccoli file (cookie) nei tuoi dispositivi.
I cookies sono normalmente utilizzati per permettere al sito una corretta esecuzione (cookies tecnici), per generare report di navigazione (cookies statistici) e per adattare le nostre offerte di prodotti/servizi commerciali (cookies di profilazione).
Noi usiamo automaticamente i cookies tecnici, ma tu hai il diritto di abilitare o meno i cookies statisticci e di profilazione. Abilitando l’utilizzo di questi cookies, ci aiuti ad offrirti un servizio migliore.

On this website we use first or third-party tools that store small files (cookie) on your device. Cookies are normally used to allow the site to run properly (technical cookies), to generate navigation usage reports (statistics cookies) and to suitable advertise our services/products (profiling cookies). We can directly use technical cookies, but you have the right to choose whether or not to enable statistical and profiling cookies. Enabling these cookies, you help us to offer you a better experience. Cookie policy