COSA TI SPINGE A UBRIACARTI ?

Il teampo di lettura: 164 secondi

L’alcool é diventata una vera ghigliottina per i giovani e per i meno diligenti.

Anche se non sei un assiduo “bevitore”, alla fine la tendenza é quella di esagerare una volta.

Il problema é che quella singola volta diventa poi una routine del weekend, e il sistema non si ferma più.

Sono sempre più nauseato dalle persone che perdono il controllo davanti al bicchiere in più….e mi distrugge il cuore vedere quanti giovani perdono la vita per un tasso alcolico troppo alto.

Ma cosa porta una persona a bere e a ubriacarsi ? Il mistero lo spiega la scienza.

Lasciando perdere la necessità di sfogarsi per troppo stress della settimana o della propria vita, il gesto dell’ubriacarsi é derivato da una condizione protratta nel tempo di abitudini sbagliate e nocive per il corpo.

NON MI RICORDO LA MIA PRIMA VOLTA….

Non sto parlando di me (che sono astemio e purista), e neanche del tuo primo rapporto sessuale.

Nella maggior parte dei casi se chiedi ad un alcolizzato quando ha iniziato a bere, lui non ti saprà rispondere; e il nocciolo della questione é che non ricordandosi non sa nemmeno descrivere “l’emozione” che ha provato.

Se non puoi descrivere se sei stato bene o male, l’unica attitudine che puoi avere é quella di riprovare. E quale migliore situazione puoi avere se non con gli amici o in piena solitudine?

SONO ARRIVATO AL LIMITE

Ci sono persone che non si ritengono “sballate” finché qualcuno delle forze dell’ordine non lo ferma per sbatterlo in galera. E dopo una chiassosa dormita in cella, spesso neanche si ricordano il giorno prima dove erano e cosa stavano facendo….figuriamoci di aver bevuto.

Eppure il tuo corpo (se rientri in questa categoria!), analizza e si ricorda di tutto, creando davvero tanti danni all’interno degli organi “smaltitori”.

Fegato, pancreas, reni, vescica e polmoni sono tutti coinvolti in questo difficile compito di rimettere tutto apposto; a volte se sei arrivato al limite il danno é talmente tanto “allargato” che tutte le memorie negative arrivano al cervello, e qui sei veramente nella merda!!!

Il tuo cervello in presenza di sostanze alcoliche può rispondere solo in modo protettivo e niente altro, dato che all’esatto opposto con l’utilizzo dell’alcool brucerebbe le cellule encefaliche.

TUTELA – CARTELLI – MANIFESTA MA NON BASTA.

Ormai lo Stato controlla l’alcool e il fumo come fosse una fonte inesauribile di guadagno. Fa molto velocemente a mettere i cartelli con scritto “Se bevi in modo esagerato poi perdi il controllo dell’auto e rischi di morire”. Il problema vero e proprio é che queste FINTE MANIFESTAZIONI DI COMPRENSIONE non devono neanche partire dallo Stato Italiano; se non ricordo male uno degli articoli della Costituzione italiana dice che “lo Stato partecipa alla sopravvivenza e alla salute dei suoi cittadini” (ndr).

A me personalmente sembra una classica fregatura, dove se da un lato lo Stato di pone una mano per aiutarti, con l’altra mano ti spinge nel dirupo e nella dipendenza da alcool e fumo.

 

Ok, ora credo che questo breve articolo abbia avuto qualche ripercussione su di te. Se così non fosse, fatti una ricerca su google immagini per vedere le patologie da abuso di alcool….così forse cambierai idea.

Se ti serve sono qui….almeno per sistemarti gli organi.

           Codice QR per inviare donazione

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

In questo sito web usiamo strumenti nostri e di terze parti che memorizzano piccoli file (cookie) nei tuoi dispositivi.
I cookies sono normalmente utilizzati per permettere al sito una corretta esecuzione (cookies tecnici), per generare report di navigazione (cookies statistici) e per adattare le nostre offerte di prodotti/servizi commerciali (cookies di profilazione).
Noi usiamo automaticamente i cookies tecnici, ma tu hai il diritto di abilitare o meno i cookies statisticci e di profilazione. Abilitando l’utilizzo di questi cookies, ci aiuti ad offrirti un servizio migliore.

On this website we use first or third-party tools that store small files (cookie) on your device. Cookies are normally used to allow the site to run properly (technical cookies), to generate navigation usage reports (statistics cookies) and to suitable advertise our services/products (profiling cookies). We can directly use technical cookies, but you have the right to choose whether or not to enable statistical and profiling cookies. Enabling these cookies, you help us to offer you a better experience. Cookie policy