IL VERO SESTO SENSO DELL’UOMO

Il teampo di lettura: 114 secondi

E’ legato al magnetismo terrestre e si attiva solo in determinate condizioni.

Chi l’ha detto che l’uomo ha solo cinque sensi? In natura non si contano gli uccelli e i pesci che percepiscono in maniera chiara le vibrazioni del campo magnetico terrestre attraverso un fenomeno conosciuto come magneto-recezione. Però con l’evoluzione della specie anche il nostro corpo tende a sviluppare capacità nuove….vediamole assieme.Un sesto senso in piena regola che da tempo interroga anche gli scienziati. Possono, gli uomini, sviluppare anch’essi questa capacità? In un laboratorio del California Institute of Technology, un team di esperti ha scoperto come che anche l’uomo, quando esposto a un campo magnetico, ha delle reazioni. In pratica le onde celebrali creano un modello particolare, ma nel solo caso in cui il campo si muova in una determinata direzione (in questo caso verso l’alto). Non è chiaro come il cervello elabori questi dati.

La ricerca è il frutto di una sperimentazione effettuata su un campione di 26 persone, tutte bendate in una stanza circondata da bobine elettriche in grado di produrre un campo magnetico simile a quello terrestre. Gli esperti si sono concentrati, in particolare, sulle onde alfa del cervello, quelle presenti quando stiamo fermi e che svaniscono appena usiamo i nostri sensi. Appena attivato il campo magnetico, gli esperti hanno notato un cambiamento dell’attività delle onde alfa, ma solo quando il campo magnetico è stato puntato verso l’alto, come quello dell’emisfero settentrionale della Terra. L’origine di questa diversa percezione sta, secondo gli studioso, nella provenienza di questi soggetti, tutti dell’emisfero boreale. Una percezione che li porta a sentire i campi magnetici rivolti verso il basso, ovvero come quello dell’emisfero australe, come campi innaturali.

UN CERVELLO RECETTIVO

Percepire ed elaborare significa risolvere cose nuove, quindi portare il proprio corpo ad un livello superiore rispetto al classico concetto moderno. Se sviluppiamo o abbiamo sviluppato una struttura predisposta alla ricezione del campo elettromagnetico, la prossima tappa sarà quella di capire a cosa ci può servire percepire queste onde elettromagnetiche. In futuro questo ulteriore utilizzo potrebbe servirci per sviluppare capacità di alimentazione di microchip a supporto di deficit cognitivi, oppure nella situazione inverosimile di attivare precocemente il sistema limbico nelle situazioni di pericolo, così da scappare con un certo anticipo.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.