MITO DA SFATARE : COLESTEROLO E UOVA

Il teampo di lettura: 110 secondi

Chi ha paura dell’aumento del colesterolo sicuramente si avvale di consulenze o prodotti che gli fanno aumentare l’incremento di questo valore. Ma se introduciamo le uova cosa accade nel nostro organismo? Vediamo di sfatare qualche luogo comune.

Le uova per decenni sono state condannate alla gogna dai nutrizionisti, isolate dal resto dell’alimentazione ad una alla settimana. Secondo le linee guida alimentari il quantitativo giornaliero di colesterolo non può essere superiore ai 300 mg, quindi un uovo riportando 200 mg fa raggiungere i limiti e quindi STOP A TUTTE LE UOVA !!

Una nuova generazione di esperti invece ha scoperto ultimamente che l’80% del colesterolo prodotto é di origine organica, quindi solo il 20% si deve considerare in rapporto con gli alimenti. Ma quindi possiamo assumere uova nell’alimentazione? In effetti 2-3 uova alla settimana rispecchiano solo l’1% della quota calorica, e se teniamo conto che le uova bio hanno molta lecitina (anti colesterolemia) allora il problema non dovrebbe sussistere.

COME CI DOVREMMO PORRE NEI CONFRONTI DI QUESTO ALIMENTO?

Semplicemente valutando l’alimento nei confronti di altri alimenti, e senza porci delle diffide senza senso perché dette da esperti nutrizionisti (ricordiamoci che anche loro ipotizzano, non concretizzano nella maggior parte dei casi). Le uova producono 15-20 grammi di proteine utili all’organismo per il proprio fabbisogno, mentre dobbiamo assumere circa 100 grammi di carne o pesce per ottenere le stesse proteine. Ovviamente questo confronto necessita ugualmente di adoperarsi con alcune regole :

  1. rispettare sempre i 300 mg di proteine giornaliere, quindi se un giorno ne assumiamo 200 mg, il giorno dopo é consigliato assumerne 400.
  2. sapendo che il tuorlo contiene il colesterolo, possiamo assumere tutti gli albumi basta ben cotti.
  3. se non soffre di ipercolesterolemia può assumere più di un uovo al giorno, ma se i valori salgono dovete diminuire a un uovo giornaliero il quantitativo.
  4. se invece soffrite di ipercolesterolemia fate attenzione a non combinare le uova con frattaglie e crostacei, altrimenti rischiate di farvi del male per niente.
  5. evitate i cibi con contenuto di uova, tipo la pasta all’uovo…qui rischiate l’aumento incontrollato del valore medio.

LA VERA SFIDA PER TUTTI NON E’ QUELLA DI NON ASSUMERE UOVA, MA E’ QUELLA DI RESISTERE A CIBI DEVASTANTI E MICIDIALI PER LA NOSTRA SALUTE.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

In questo sito web usiamo strumenti nostri e di terze parti che memorizzano piccoli file (cookie) nei tuoi dispositivi.
I cookies sono normalmente utilizzati per permettere al sito una corretta esecuzione (cookies tecnici), per generare report di navigazione (cookies statistici) e per adattare le nostre offerte di prodotti/servizi commerciali (cookies di profilazione).
Noi usiamo automaticamente i cookies tecnici, ma tu hai il diritto di abilitare o meno i cookies statisticci e di profilazione. Abilitando l’utilizzo di questi cookies, ci aiuti ad offrirti un servizio migliore.

On this website we use first or third-party tools that store small files (cookie) on your device. Cookies are normally used to allow the site to run properly (technical cookies), to generate navigation usage reports (statistics cookies) and to suitable advertise our services/products (profiling cookies). We can directly use technical cookies, but you have the right to choose whether or not to enable statistical and profiling cookies. Enabling these cookies, you help us to offer you a better experience. Cookie policy