Differenze tra persone che recuperano e persone che diventano invalide

Differenze tra persone che recuperano e persone che diventano invalide

Il teampo di lettura: 86 secondi

Differenze tra persone che recuperano e persone che diventano invalide

E’ un titolo molto forte ma fa sempre comodo capire quale sia questa differenza sostanziale. Diciamo che il principio base é la volontà di voler migliorare il proprio status disfunzionale, questo significa che il potere della nostra mente é superiore a tutte le tipologie di cure.

Quando si parla di recupero si parla in realtà di processo clinico, ma tale processo non é costante e neanche regolare con i pazienti. Uno studio eseguito nel 1996 da (Frank et al.) ha messo in luce i concetti di equilibrio e di soglia. Quando si parla di situazione cronica o recidivante il problema diventa persistente, quindi la soglia di percezione del dolore aumenta mentre l’equilibrio “molecolare” diminuisce. Ma cosa significa tutto questo concetto?

Il paziente raggiunge sempre più spesso un momento di crisi o di rottura nel quale può crollare in modo incontrollabile. Nel 1983 (Lethem e al.) hanno dimostrato che affrontare il dolore o cercare di evitarlo comporta due modi operativi del tutto opposti, e che tali situazioni comportano a differenziare il recupero delle persone o meno. 

A volte mettere difronte alle persone il concetto più difficile come l’invalidità produce effetti impressionanti, che radicalmente cambiano la mentalità del paziente stesso. Da un esperimento del 1975 (Wiltse e Rocchio) di natura biopsicosociale, se un paziente ammette che la sofferenza psicologica post evento scatenante é maggiore rispetto alla sofferenza corporea, la sua risposta sarà positiva al miglioramento rispetto al peggioramento per incuria. 

Una mia personale considerazione in merito : se evitiamo di considerare il dolore come danno ma solo come segnale o sintomo di disfunzione, la mente e il corpo reagiscono in forma più lieve alla problematica, favorendo l’esatto approccio al miglioramento e all’autoguarigione (effetto nocebo).

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

In questo sito web usiamo strumenti nostri e di terze parti che memorizzano piccoli file (cookie) nei tuoi dispositivi.
I cookies sono normalmente utilizzati per permettere al sito una corretta esecuzione (cookies tecnici), per generare report di navigazione (cookies statistici) e per adattare le nostre offerte di prodotti/servizi commerciali (cookies di profilazione).
Noi usiamo automaticamente i cookies tecnici, ma tu hai il diritto di abilitare o meno i cookies statisticci e di profilazione. Abilitando l’utilizzo di questi cookies, ci aiuti ad offrirti un servizio migliore.

On this website we use first or third-party tools that store small files (cookie) on your device. Cookies are normally used to allow the site to run properly (technical cookies), to generate navigation usage reports (statistics cookies) and to suitable advertise our services/products (profiling cookies). We can directly use technical cookies, but you have the right to choose whether or not to enable statistical and profiling cookies. Enabling these cookies, you help us to offer you a better experience. Cookie policy