Le dimensioni del cervello….contano!!

Le dimensioni del cervello….contano!!

Il teampo di lettura: 154 secondi

Le dimensioni del cervello….contano!!

Bella come foto no? Impressionante sotto il profilo dell’evoluzione, ma molto suggestiva se pensiamo che quello di destra é il nostro cervello, mentre quello a sinistra é del delfino. Ebbene….non siamo i più evoluti sulla terra….

Studi fatti sull’anatomia comparativa mettono in evidenza il fatto che il nostro cervello già a livello fetale si “modella” e supera come dimensioni quello già evoluto di alcuni altri animali quali il fringuello, l’ornitorinco e il canguro….ma qualcosa di particolare succede in quello del delfino che si sviluppa maggiormente rispetto al nostro.

Studi di circa 20 anni fa (Roberta Parolisi, Bruno Cozzi, Luca Bonfanti. Non-neurogenic SVZ-like niche in dolphins, mammals devoid of olfaction. Brain Struct Funct (2017). doi:10.1007/s00429-016-1361-3) rivelano che l’evoluzione del cervello ha portato allo sviluppo di un lobo accessorio, che associa le emozioni al riconoscimento più rapido degli altri esseri. In poche parole questo cervello accessorio riesce a metterti un cartello tra BUONO o CATTIVO appena il delfino ti percepisce col sonar (i delfini emettono segnali sonar per identificare a distanza oggetti, anfibi e tutto il resto del mondo acquatico). Ma la particolarità di questo cervello accessorio é che neutralizza le cellule cancerogene nelle restanti parti cerebrali, così da indurlo a non ammalarsi.

Gli neuroscienziati della Emory University hanno dimostrato che almeno due aree del cervello dei delfini sono associate con il sistema uditivo – a differenza di quanto accade della maggior parte dei mammiferi in cui il suono viene elaborato in una singola area. Questo piccolo sistema secondario uditivo in sostanza permette non solo l’ecolocalizzazione, ma fornisce un “filtro” per pulire tutti quei segnali negativi che possono far male al cervello stesso. 

Ma cosa possiamo dedurre da queste ricerche?

Sono due i concetti che possiamo dedurre e portare a nostro vantaggio analizzando e paragonando i nostri cervelli. Nel caso del cervello umano abbiamo un sistema molto complesso che si definisce SISTEMA LIMBICO, collocato al centro dell’encefalo, e che funziona per fare una scrematura delle emozioni, riproponendo delle azioni come risposte a tali segnali (paura = fuga, amore = avvicinanza, ecc.ecc.). Da questo si deduce :

  1. la maggior parte delle malattie neuro-degenerative deriva da una variazione della chimica cellulare che va via via sempre più verso una forma acida del proprio ambiente. Nelle forme acide non sopravvive quasi nulla quindi le cellule morendo poco alla volta perdono la loro funzione.
  2. le emozioni non avendo filtri naturali e potenti vanno a destabilizzare il comportamento di un individuo perfino per anni; se esistessero meccanismi accessori che avvertono di emozioni negative come nei delfini forse vivremmo più serenamente e più a lungo.
  3. noi stessi dobbiamo imparare a convivere con coloro che ci fanno del male in un modo molto più semplice e astuto….fregandocene! Le malattie sono riflessi di un disagio molto più profondo che si manifestano al mondo esterno; se non stiamo bene dentro il corpo lo dimostra. Viviamo liberi dai pensieri come i delfini.

Eccovi un filmato che vi può piacere….similitudini e differenze tra il cervello umano e quello del delfino.

https://youtu.be/6cDc2YPZFpg

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

In questo sito web usiamo strumenti nostri e di terze parti che memorizzano piccoli file (cookie) nei tuoi dispositivi.
I cookies sono normalmente utilizzati per permettere al sito una corretta esecuzione (cookies tecnici), per generare report di navigazione (cookies statistici) e per adattare le nostre offerte di prodotti/servizi commerciali (cookies di profilazione).
Noi usiamo automaticamente i cookies tecnici, ma tu hai il diritto di abilitare o meno i cookies statisticci e di profilazione. Abilitando l’utilizzo di questi cookies, ci aiuti ad offrirti un servizio migliore.

On this website we use first or third-party tools that store small files (cookie) on your device. Cookies are normally used to allow the site to run properly (technical cookies), to generate navigation usage reports (statistics cookies) and to suitable advertise our services/products (profiling cookies). We can directly use technical cookies, but you have the right to choose whether or not to enable statistical and profiling cookies. Enabling these cookies, you help us to offer you a better experience. Cookie policy