Trattamento alternativo al coccige sporgente

Il teampo di lettura: 111 secondi

Trattamento alternativo al coccige sporgente

Tutto si basa sul fatto che molto spesso la nostra restante “coda” si infiamma per cattive abitudini posturali o di posizione seduta. E’ normale quindi chiedersi come poter risolvere questo problema, anche perché le nostre abitudini di vita ci portano ad almeno qualche ora in posizione forzata seduta. 

Secondo una stima statistica il 90% della popolazione siede in modo sbagliato, forte del fatto che il corpo riesce a compensare quel che sovraccarica da un lato con il lato opposto. Ma questo non é del tutto vero, infatti lo scompenso persiste per svariate ore e non viene dissipato. Gli assi di spinta che interagiscono col coccige sono :

  1. dall’alto verso il basso (quello maggiore di carico assiale)
  2. anteroposteriore (quello che scompensa maggiormente le curve)
  3. dal basso verso l’alto (quello che infiamma e curva l’orientamento vertebrale)

Un rimedio semplice ma abbastanza efficace risulta essere un cuscino ergonomico, ma tutto sommato non può bastare a correggere la disfunzione. 

IL TRATTAMENTO OSTEOPATICO DIVERSO DAL SOLITO

L’osteopatia suggerisce che anatomicamente parlando una disfunzione mette di sicuro in disfunzione un’altro settore. Nel caso della curvatura coccigea (detta inversione coccigea) si potrebbe lavorare sull’articolazione atlanto-occipitale e sulla spinosa di C2. Ma perché questo lavoro di armonizzazione? Vediamo un pò di anatomia.  Osso sacro e occipite come ci spiegano tutti sono in stretta relazione tra di loro a livello cranio sacrale; vengono definite come modulatori del segnale parasimpatico vegetativo, e servono per “riordinare e calmare” le disfunzioni delle altre vertebre. Le vertebre contigue alla loro posizione diventano il coccige e le vertebre cervicali superiori, atlante ed epistrofeo. Proporzionalmente parlando lo “scarico” del peso é proporzionale con le dimensioni di occipite e sacro, quindi esercitando la stessa forza terapeutica su o giù riusciamo ad ottenere sempre risultati positivi. 

Come nella tecnica “invasiva” di correzione della inversione coccigea, la posizione delle mani a livello occipito-cervicale diventa la stessa, supponendo ovviamente che non é possibile esercitare una spinta interna alle vertebre ma solo su un asse in diagonale. Ricordiamoci inoltre che una grossa componente é data dai legamenti, nel caso specifico il legamento pubo-coccigeo e la grande falce cerebrale….quindi approfittiamone di queste inserzioni legamentose per creare una “distensione” sincronizzata tra le strutture anteriori e posteriori.  

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

In questo sito web usiamo strumenti nostri e di terze parti che memorizzano piccoli file (cookie) nei tuoi dispositivi.
I cookies sono normalmente utilizzati per permettere al sito una corretta esecuzione (cookies tecnici), per generare report di navigazione (cookies statistici) e per adattare le nostre offerte di prodotti/servizi commerciali (cookies di profilazione).
Noi usiamo automaticamente i cookies tecnici, ma tu hai il diritto di abilitare o meno i cookies statisticci e di profilazione. Abilitando l’utilizzo di questi cookies, ci aiuti ad offrirti un servizio migliore.

On this website we use first or third-party tools that store small files (cookie) on your device. Cookies are normally used to allow the site to run properly (technical cookies), to generate navigation usage reports (statistics cookies) and to suitable advertise our services/products (profiling cookies). We can directly use technical cookies, but you have the right to choose whether or not to enable statistical and profiling cookies. Enabling these cookies, you help us to offer you a better experience. Cookie policy