Il trust articolare….tecnica essenziale o superflua in osteopatia?

Il trust articolare….tecnica essenziale o superflua in osteopatia?

Il teampo di lettura: 125 secondi

Il trust articolare….tecnica essenziale o superflua in osteopatia?

E’ diventata quasi una leggenda metropolitana la questione del trust vertebrale nelle tecniche osteopatiche di riequilibrio. Spiego brevemente cosa si intende per trust : é una tecnica ad elevata velocità e con piccoli movimenti (definita anche bassa ampiezza e alta intensità), dove l’input principale é dare uno stimolo neurofisiologico alla struttura. 

Nella pratica classica la tecnica viene definita con una o due chiusure in chiave articolare, in modo tale da limitare l’escursione (l’ampiezza) della tecnica stessa. Il settore interessato ha quindi la possibilità di ottenere degli spostamenti limitati, che regolano la correlazione di una vertebra con la vertebra successiva o precedente (per fare un esempio). 

L’uso di questa tecnica però é stata utilizzata come “cavallo di Troia”, ovvero in modo insignificante e specialmente fasullo nei confronti dei pazienti. Questi infatti hanno percepito che nella seduta dall’osteopata ci debba essere un trust articolare, altrimenti la seduta non ha ottenuto i risultati voluti. Sfatiamo subito questo MITO, nel vero senso della parola. La tecnica Trust serve per indurre il corpo a ottenere uno stimolo neurofisiologico di riequilibrio, e non a rimettere in asse le vertebre una con l’altra. 

Vi pongo una domanda : sapete in media quante vertebre vanno fuori sede al giorno?

Risposte :

  1. una o due ?
  2. sempre a coppie?
  3. sempre e solo in una curva lordotica o cifotica?
  4. più di una in numero indefinibile?

Ecco la risposta corretta é quella meno precisa, ovvero in un numero indefinibile. Le vertebre hanno la tendenza ad adattarsi alle nostre vicende quotidiane, quindi sorreggono i vari pesi che solleviamo, aiutano a stabilizzare il lato destro col sinistro del corpo, infine danno punti di fissaggio di muscoli, legamenti, organi,ecc ecc., e se moltiplichiamo il numero delle funzioni che il nostro corpo attiva contemporaneamente in un minuto, il risultato sarà un numero appunto indefinibile di micro accorgimenti/spostamenti come adattabilità alle diverse situazioni.

MA QUINDI SE VADO DALL’OSTEOPATA E’ SBAGLIATO SE MI FA IL TRUST ALLA COLONNA?

La risposta é un bel punto di domanda (?) perché tutto dipende dal fatto di aver considerato tutti i problemi presentati dal paziente. Se nel contesto deciso dall’osteopata risulta ottimale l’aggiunta di una tecnica trust, questa tecnica deve servire per un determinato obiettivo, e deve riportare ad un equilibrio neurofisiologico. A priori vi consiglio di non credere a tutto quello che vi raccontano se il vostro osteopata parte direttamente con un trust articolare o vertebrale….spesso come dice il gergo comune “tanto fumo e niente arrosto”. 

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

In questo sito web usiamo strumenti nostri e di terze parti che memorizzano piccoli file (cookie) nei tuoi dispositivi.
I cookies sono normalmente utilizzati per permettere al sito una corretta esecuzione (cookies tecnici), per generare report di navigazione (cookies statistici) e per adattare le nostre offerte di prodotti/servizi commerciali (cookies di profilazione).
Noi usiamo automaticamente i cookies tecnici, ma tu hai il diritto di abilitare o meno i cookies statisticci e di profilazione. Abilitando l’utilizzo di questi cookies, ci aiuti ad offrirti un servizio migliore.

On this website we use first or third-party tools that store small files (cookie) on your device. Cookies are normally used to allow the site to run properly (technical cookies), to generate navigation usage reports (statistics cookies) and to suitable advertise our services/products (profiling cookies). We can directly use technical cookies, but you have the right to choose whether or not to enable statistical and profiling cookies. Enabling these cookies, you help us to offer you a better experience. Cookie policy