Quantificare le sedute osteopatiche

Il teampo di lettura: 87 secondi

Una, due, cinque, dieci sedute….cosa suggerire al paziente?
Partendo dal presupposto che le persone sono innanzitutto persone e non soggetti sconosciuti, e abbinando il fatto che seguendole per il stretto necessario e non per arricchendosi le tasche infondi fiducia come rapporto, si denota che la formula migliore come proposta é e rimane quella delle poche sedute.

Una volta, all’università, ho seguito un consiglio di un mio professore, che diceva espressamente “meglio un paziente che esce felice che uno deluso e mezzo fregato che ti torna per altre sedute”. Il concetto é stato subito chiaro; parte da noi osteopati saper consigliare la strada migliore da seguire per risolvere o alleviare la propria disfunzione. Spesso si concentra l’attenzione sul sintomo, ma quello che in realtà crea movimento presso il nostro studio é il modo di trattare le persone, l’esser sinceri fin da subito, spiegare le cose per come stanno….e se possibile andare incontro alle richieste del paziente.
Non perdiamo tempo con le persone, non vogliamo creare i postulati dell’indifferenza, perché se tutto va bene, ci ricordiamo di quella persona e della sua disfunzione, le abbiamo dato il massimo che potevamo…..quella persona TORNA DA NOI!…..e non c’è miglior ringraziamento al mondo.

Ricordiamoci inoltre che l’effetto contrario che nessuno ne parla si chiama EFFETTO DOMINO A CADUTA, ovvero quel meccanismo impercettibile che allontana le persone e assicura solamente guai alla nostra figura professionale. Quando una persona si trova male (ovviamente a non tutti possiamo andare bene anche per come ci presentiamo!) comincia a comunicare il proprio disinteresse e fastidio, e le persone vicine non fanno altro che ascoltare e riprodurre le cose sentite. A poco a poco non diventi più la persona di fiducia….anzi quella da evitare.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

In questo sito web usiamo strumenti nostri e di terze parti che memorizzano piccoli file (cookie) nei tuoi dispositivi.
I cookies sono normalmente utilizzati per permettere al sito una corretta esecuzione (cookies tecnici), per generare report di navigazione (cookies statistici) e per adattare le nostre offerte di prodotti/servizi commerciali (cookies di profilazione).
Noi usiamo automaticamente i cookies tecnici, ma tu hai il diritto di abilitare o meno i cookies statisticci e di profilazione. Abilitando l’utilizzo di questi cookies, ci aiuti ad offrirti un servizio migliore.

On this website we use first or third-party tools that store small files (cookie) on your device. Cookies are normally used to allow the site to run properly (technical cookies), to generate navigation usage reports (statistics cookies) and to suitable advertise our services/products (profiling cookies). We can directly use technical cookies, but you have the right to choose whether or not to enable statistical and profiling cookies. Enabling these cookies, you help us to offer you a better experience. Cookie policy