Ostruzione delle vie biliari

Il teampo di lettura: 306 secondi

Un’ostruzione delle vie biliari è un blocco dei dotti biliari. I dotti biliari trasportano la bile dal fegato e dalla cistifellea attraverso il pancreas, fino all’intestino tenue (il duodeno). La bile è un liquido verde scuro o marrone-giallastro secreto dal fegato per digerire i grassi. Gran parte della bile viene rilasciata direttamente nell’intestino tenue, ma la parte restante viene immagazzinata nella cistifellea. Dopo aver mangiato, la cistifellea rilascia la bile per aiutare la digestione e l’assorbimento dei grassi. La bile aiuta anche a eliminare le scorie dal fegato.

Qualsiasi tipo di ostruzione a uno di questi dotti viene definita ostruzione delle vie biliari. Si tratta di un’evenienza piuttosto comune e nel mondo colpisce con una frequenza di una persona su 1.000. Molte delle condizioni correlate alle ostruzioni alle vie biliari possono essere trattate con successo. Tuttavia, se l’ostruzione resta non trattata per un lungo periodo, può causare malattie letali del fegato.

Il corpo umano è provvisto di diversi tipi di vie biliari. I due tipi presenti nel fegato sono i dotti intraepatici ed extraepatici. I dotti intraepatici sono un sistema di tubicini più piccoli che collegano e trasportano la bile ai dotti extraepatici. Questi ultimi iniziano come due parti separate, una sul lato destro del fegato e l’altra su quello sinistro. Quando discendono dal fegato, si uniscono per formare i dotti epatici comuni, che scorrono direttamente verso l’intestino tenue. Anche le vie biliari (i dotti che partono dalla cistifellea) si aprono nel dotto epatico comune. Il dotto biliare che parte da questo punto è chiamato dotto biliare comune o coledoco. Prima di svuotarsi nell’intestino tenue, il coledoco attraversa il pancreas.

Cause

Un’ostruzione alle vie biliari può essere causata da diversi fattori collegati ai dotti biliari, al fegato, alla cistifellea, al pancreas e all’intestino tenue. Alcune delle cause più comuni sono:

  • calcoli biliari, responsabili della maggior parte dei casi
  • infiammazione dei dotti biliari
  • trauma
  • stenosi biliare (un restringimento anomalo dei dotti)
  • cisti
  • linfonodi ingrossati
  • pancreatite
  • lesione correlata alla cistifellea o a un intervento al fegato
  • tumori ai dotti biliari
  • tumori al pancreas
  • altri tumori che hanno raggiunto il fegato, la cistifellea, il pancreas o i dotti biliari
  • infezioni, compresa l’epatite
  • parassiti
  • cirrosi epatica (cicatrizzazione e danni gravi al fegato)

Incidenza

I fattori di rischio per l’ostruzione delle vie biliari dipende in genere dalla causa dell’ostruzione. La maggioranza dei casi è causata dai calcoli biliari, che rendono le donne più vulnerabili allo sviluppo di ostruzioni alle vie biliari. Altri fattori di rischio comprendono:

  • precedenti calcoli biliari
  • pancreatite cronica
  • precedenti tumori nella parte destra dell’addome
  • lesione alla parte destra dell’addome
  • obesità
  • rapida perdita di peso

Segni e sintomi

I sintomi possono essere il risultato della condizione di base (la causa dell’ostruzione) e quindi possono variare. In genere i pazienti lamentano i sintomi seguenti (in grassetto quelle più importanti) :

  • feci di colore chiaro
  • urine scure
  • colorazione giallastra della pelle e/o degli occhi (ittero)
  • prurito
  • dolore al lato superiore destro dell’addome
  • nausea
  • vomito
  • perdita di peso
  • febbre

Diagnosi

Sono disponibili svariati esami per un paziente con una possibile ostruzione alle vie biliari. Questi includono:

  • Esame del sangue: fornisce un emocromo completo e i test di funzionalità epatica. In genere gli esami del sangue possono escludere determinate condizioni, come la colecistite (infiammazione della cistifellea), la colangite (infezione del coledoco) e un aumento del livello di bilirubina coniugata (scorie prodotte dal fegato), degli enzimi epatici e della fosfatasi alcalina. Una qualsiasi di queste condizioni può indicare una riduzione del flusso di bile.
  • Ecografia: è in genere il primo esame condotto su un paziente con una sospetta ostruzione alle vie biliari. Consente di visualizzare facilmente i calcoli biliari.
  • Scintigrafia biliare (HIDA): impiega materiale radioattivo per fornire informazioni utili sulla cistifellea e sulle eventuali ostruzioni.
  • Tomografia computerizzata (TAC): combina radiografie multiple ed estremamente dettagliate. Colangiografia percutanea transepatica: una radiografia dei dotti biliari.
  • Risonanza magnetica (RM): fornisce immagini dettagliate del fegato, della cistifellea, del pancreas e dei dotti biliari.
  • Colangiopancreatografia con risonanza magnetica (CPRM): utilizzata per la diagnosi delle ostruzioni alle vie biliari e della malattia pancreatica.
  • Colangiopancreatografia retrograda endoscopica (CPRE): impiega un endoscopio e una radiografia. È uno strumento sia diagnostico che terapeutico. Oltre a consentire al chirurgo di osservare i dotti biliari, viene utilizzata anche nel trattamento. Questo strumento è particolarmente utile poiché può essere utilizzato per rimuovere i calcoli. Viene impiegato anche per ottenere biopsie nei casi di tumore. 

Trattamento

Il trattamento è mirato a correggere la causa di fondo. L’obiettivo principale del trattamento medico o chirurgico è alleviare l’ostruzione. Alcune delle opzioni di trattamento possono comprendere:

  • Colecistectomia: rimozione della cistifellea in presenza di calcoli biliari
  • CPRE: può essere sufficiente per rimuovere piccoli calcoli dal coledoco o per inserire uno stent nei dotti per ripristinare il flusso di bile

Prevenzione

Alcuni cambiamenti allo stile di vita possono diminuire le probabilità di sviluppare un’ostruzione alle vie biliari.

  • aumentare l’apporto di fibre nella dieta
  • ridurre il consumo di zuccheri e grassi saturi che possono causare la formazione di calcoli biliari
  • se si è sovrappeso, riportare gradualmente il peso a un livello “sano” per il proprio sesso, età e altezza

Adattamento osteopatico terapeutico

L’osteopatia può aiutare il soggetto che accusa di calcolosi biliare e ostruzionismo correlato attraverso delle manovre semplicissime di svuotamento della colecisti. E’ opportuno però rivolgere la storia a chi accusa qualche segno clinico e non per coloro che sono sofferenti di dolori da calcoli biliari. Importanza estrema é data al fegato, che necessita prima del trattamento osteopatico, almeno un paio di giorni di integrazione di sostanze utili al drenaggio e allo scioglimento dei calcoli. L’acido ursodesossicolico aiuta in modo efficace questo svuotamento (e relativa formazione di successivi calcoli). In caso però di litiasi del coledoco é opportuno identificare una procedura similare alla precedente manovra fluidica ma preventiva; consiglio, quindi, un approccio prima con la manovra sui tre assi epatici, poi una manovra di mobilità complessiva dello stomaco, e infine la tecnica sullo sfintere di Oddi (se palpatorialmente si riesce a trovarlo). Essendo una procedura che scatena comunque reazioni avverse tra soggetto e soggetto, consiglio almeno 3-4 giorni di attesa prima di ripetere le manovre consigliate.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

In questo sito web usiamo strumenti nostri e di terze parti che memorizzano piccoli file (cookie) nei tuoi dispositivi.
I cookies sono normalmente utilizzati per permettere al sito una corretta esecuzione (cookies tecnici), per generare report di navigazione (cookies statistici) e per adattare le nostre offerte di prodotti/servizi commerciali (cookies di profilazione).
Noi usiamo automaticamente i cookies tecnici, ma tu hai il diritto di abilitare o meno i cookies statisticci e di profilazione. Abilitando l’utilizzo di questi cookies, ci aiuti ad offrirti un servizio migliore.

On this website we use first or third-party tools that store small files (cookie) on your device. Cookies are normally used to allow the site to run properly (technical cookies), to generate navigation usage reports (statistics cookies) and to suitable advertise our services/products (profiling cookies). We can directly use technical cookies, but you have the right to choose whether or not to enable statistical and profiling cookies. Enabling these cookies, you help us to offer you a better experience. Cookie policy